07 mag 2014

Charles James: l'uomo che "indossiamo" tutti i giorni





Il Met Gala quest’anno ha onorato la memoria di Charles James. Charles James, chi? Un sarto e designer precursore dei propri tempi a cui lo stesso Christian Dior ha confessato di essersi ispirato. Quest’uomo, espulso da scuola a 19 anni per una relazione ça va san dire inappropriata, si trasferisce da Londra a New York dove comincia a disegnare cappelli e abiti su misura in un negozietto del Queens. 





Viene ricordato principalmente per i fluttuanti e favolosi abiti da ballo, ma sono le opere che non hanno calcato il red carpet ad aver influenzato maggiormente la moda dei decenni successivi. 

Dobbiamo a lui infatti un evergreen come il taxi dress che altri non è che l’intramontabile tubino nero, capo iconico da lui creato perché fosse possibile ad ogni donna sedersi comodamente sul retro di un taxi senza sgualcirlo. Vi sono stati poi la gonna figura 8, la fusciacca Pavlovian, concepita per non stringere la vita delle signore dopo i pasti, e il taglio a spirale. 

Forse però la più innovativa delle sue creazioni è stata la “puffer jacket” disegnata nel 1937 per proteggere le signore di New York dal gelido inverno e allo stesso tempo per consentire loro di mostrare il proprio vestito in tutto il suo splendore. La Puffer è stata il primo vero esempio di piumino nella storia della moda e, solo per questo, a Mister James andrebbe eretto un monumento ad ogni angolo di strada. 

Il Met ha denominato la mostra “Beyond Fashion” proprio per onorare un uomo che ha influenzato silenziosamente la moda di tutto un secolo.


 

Nessun commento:

Posta un commento